Savoiardi di I. Massari

Ricette dolci

Savoiardi di I. Massari

Savoiardi di I. Massari

Savoiardi o “Lady fingers” ossia dita di dama perche avedo la forma di un cilindro dagli angoli smussati e schiacciato, ricordano al forma di un dito. In Francia si chiama biscotto al cucchiaio, “biscuit à la cuillère”.I savoiardi sono originari della regione Savoia e da qui prendono il loro nome, sono conosciuti in tutte le regioni italiane, diffusissimi in Sardegna, con il nome anche di “pistoccus de caffè”, e dove fanno parte della tradizione dolciaria artigianale. In Sicilia, a Caltanissetta vengono chiamati raffiolini.

I savoiardi sono biscotti friabili, leggeri e dalla consistenza spumosa, che li rendo perfetti per essere inzuppati, e sono la base del Tiramisù. Utilizzati per la Torta Charlotte, ma sostituiscono anche il pan di spagna nella zuppa inglese, per i semifreddi, per i dolci al bicchiere, o semplicemente gustati con una tazza di tè. Questa ricetta è tratta dal libro “NON SOLO ZUCCHERO” Vol. 4 di Iginio Massari.


INGREDIENTI:

  • 3 baccelli di vaniglia
  • 150 g di zucchero semolato
  • 325 g di tuorli
  • 475 g di albumi
  • 125 g di zucchero
  • 225 g di farina 00
  • 75 g di fecola di patate

PROCEDIMENTO:

  1. Montare in planetaria o con le fruste elettriche i tuorli con lo zucchero e la vaniglia e tenere da parte.
  2. Montare 475 g di albumi con 125 g di zucchero.
  3. Amalgamare delicatamente con una spatola le due masse e incorporare delicatamente la farina setacciata con la fecola.
  4. Con un sac-à-poche, bocchetta n 8 o 10 formare dei bastoncini su una teglia rivestita con carta da forno.
  5. Spolverare con 50% di zucchero a velo e 50% di zucchero semolato. prima di cuocere.
  6. Forno preriscaldato a 220°C per 12-13 minuti.
  7. Si conservano fino a 15 giorni in un contenitore ermetico o un sacchetto ben chiuso.

 

5 thoughts on “Savoiardi di I. Massari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.